I bambini di Terezin

 Erano in 15.000: non ne sono sopravvissuti nemmeno 100.

Avevano tutti un’età compresa tra i 12 ed i 16 anni.

Terezìn fu il maggiore campo di concentramento nazista sul territorio della Cecoslovacchia.

Costruito come transito per gli ebrei che dal Protettorato di Boemia e Moravia venivano deportati verso i campi di sterminio dei territori orientali, dalla sua nascita vi furono deportate 150.000 persone, fra le quali 15.000 bambini. La maggior parte trovò la morte nel ghetto stesso o negli altri campi nazisti.

Non ci sono immagini forti, non ci sono cumuli di scheletri. Ma i quattromila disegni, come le sessantasei poesie di quelle giovani anime strappate alla vita, hanno senza dubbio lo stesso effetto. Il campo di Terezìn proprio perché di transito, è stato uno dei pochi che prevedeva uno spazio per i bambini. Stesse condizioni igieniche, stessa fame, stesse malattie. Proprio come gli adulti. Stessa Identica sofferenza.

Testo Marinella Mancinelli

 

Ultima modifica il 27-01-2021 da LIVIANA DA RE